Giornalismo partecipativo: una nuova era per la comunicazione

Nasce un nuovo canale di informazione e – come si diceva fino a poco tempo fa ad ogni debutto di una nuova testata su carta – per tutti deve essere una buona notizia. Significa infatti avere a disposizione più notizie da valutare, più aggiornamenti da registrare e, in definitiva, una finestra in più su ciò che accade e uno spunto di riflessione maggiore da una nuova angolazione. Tutti elementi che concorrono a formare una società civile e democratica.

Nasce TorinoCq24, piattaforma web di approfondimento locale, collegata a una serie di pagine omologhe distribuite su tutte le province (vedi ad esempio Vercelli oppure Asti, ma anche la vetrina regionale di PiemonteCq24) e su scala nazionale, a CorriereQuotidiano.it.

Si tratta quindi di un progetto importante che tra l’altro si propone di seguire una strada innovativa, cioè gestire le notizie ispirandosi a valori etici, favorire quell’informazione che possa davvero contribuire a una buona qualità della vita sociale. E stimolare al tempo stesso la partecipazione degli utenti, il contributo di tutti, in un’ottica di giornalismo partecipativo di cui si parla tanto ma che si fa fatica – tra dispute per i fake e la post-truth – a mettere in pratica.

TorinoCq24 è un canale quindi aperto alle proposte di tutti. Questa è la svolta che insegue.

Anche dal punto di vista degli inserzionisti la prospettiva è interessante. Prima di tutto per la formula delle inserzioni: si può attivare un banner pubblicitario con una spesa minima di 30 euro circa per una settimana e questo significa che qualsiasi esercente potrà permettersi di essere presente sulla vetrina di Cq24. Inoltre entrando sulla piattaforma si ha la possibilità di far parte di un circolo virtuoso rappresentato dalle notizie che con sempre maggiore attenzione seguiranno argomenti come ecosostenibilità, sociale, solidarietà, esempi di altruismo, comportamenti etici e tutto quanto possa contribuire alla visione di un mondo nuovo o, se preferite, migliore.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

<!-- End Google Tag Manager (noscript) --
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: