Incidente? Ecco come comportarsi.

Le regole base per non cadere nella trappola dei furbetti.

Una distrazione, la fretta e… sbam! Ecco il tamponamento. Gli incidenti -si sa- sono all’ordine del giorno. Ma quali sono le regole da seguire per non diventare vittime degli sciacalli? Innanzitutto, è importante mantenere la calma e seguire alcuni consigli: «Il primo suggerimento è tenere sempre in auto un modulo CAI ed una penna e avere con sé un cellulare dotato di fotocamera – consiglia Francesco Berruto, titolare della carrozzeria Fratelli Berruto di Arignano – Prima di spostare i mezzi, infatti, è bene scattare delle fotografie alla scena dell’incidente, ai danni e alle targhe dei veicoli coinvolti. Talvolta, anche chi ammette subito d’essere in torto, successivamente può cambiare versione.
E se la situazione appare fin da subito controversa, mantenendo i mezzi fermi, è meglio contattare vigili o carabinieri».

Compilare il modulo CAI correttamente è fondamentale per il buon esito della pratica ma, talvolta per inesperienza, talvolta a causa dello shock appena subito, non sempre lo si fa nel modo giusto. <

Per essere sicuri che tutto “fili liscio”, è necessario appuntare sul modulo: nome e cognome dei guidatori, marca, modello, targa dei veicoli coinvolti ed il nome della compagnia assicuratrice. Per ciascun veicolo, poi, occorre barrare la casella utile a descrivere ciò che ciascuno stava facendo nel momento antecedente l’impatto (per esempio, “stava parcheggiando” oppure “sorpassava”). Per finire, è bene che tutti i conducenti firmino il modulo e che eventuali testimoni rilascino le proprie generalità.
Ci sono però anche i problemi collaterali. Molti sono gli sciacalli che approfittano della situazione per derubare il mal capitato:«Quando si scende dall’auto, è bene chiudere con la centralizzata e non lasciare incustoditi oggetti di valore – sottolinea Berruto –  E se l’incidente avviene di notte o in luoghi poco raccomandabili, è meglio non scendere dal veicolo e chiamare subito le autorità: potrebbe trattarsi di un agguato. Numerose, infatti, sono le notizie di cronaca che hanno come protagonisti mal capitati guidatori derubati con la scusa della ruota bucata.  Le dinamiche sono molto. E l’unico modo per non cadere nella trappola dei furbetti è tenere sempre gli occhi bene aperti, senza farsi prendere dal panico»

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

<!-- End Google Tag Manager (noscript) --
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: